Ibis bianco e nero compare a Pescara

Per la prima volta si riesce a testimoniare la presenza dell’Ibis, uccello sacro e venerato dell’antico Egitto, nel pescarese. La specie, molto diffusa in Africa e in particolare nel sud del Sahara, da alcuni anni è stata individuata in Francia e in Italia. Paesi dove è riuscita a riprodursi e a colonizzare ampi territori. Nel nostro Paese l’Ibis è riuscito a nidificare a nord già negli anni ’90, concentrandosi in colonie riproduttive soprattutto nella pianura padana. In Abruzzo la presenza dell’inconfondibile Ibis bianco e nero non era nota. Il 7 febbraio di quest’anno è stato fotografato un gruppo di otto Ibis sacri nei pressi di Pescara. L’Ibis sacro a prescindere dal nome e dalle apparenze, così come l’Usignolo del Giappone segnalato in Provincia di Chieti o i parrocchetti di Roma, è una delle tante specie alloctone e invasive che quando conquistano nuovi territori lontani dalle aree di origine possono determinare conseguenze anche molto negative nei confronti delle specie autoctone per alcune delle quali diventano concorrenti inaspettati o predatori. L’Ibis sacro in particolare è un grande predatore specializzato nella cattura dei nidiacei di molte uccelli come aironi, gabbiani, corrieri, fratini ecc. che si riproducono negli ambienti acquatici e litoranei.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: