La natura vince sul disastro nucleare

Nella zona di esclusione di Chernobyl 35 anni dopo il peggior disastro nucleare del mondo (26 aprile 1986), la flora e la fauna in aumento hanno preso il controllo sui palazzi di un tempo, nonostante il paesaggio continui ad essere surreale. Dopo le mucche abbandonate, che stanno diventando selvatiche e appaiono piuttosto felici della nuova condizione, senza padroni, libere, anche una razza di cavalli selvaggi sta prosperando. Dopo l’esplosione entro un raggio di 30 km dalla base intere aree dell’Ucraina e della Bielorussia sono rimaste gravemente contaminate ed è nata una “terra di nessuno”, che è successivamente diventata una gigantesca riserva senza precedenti in Europa per le sue dimensioni. Dopo il disastro, l’area è diventata un rifugio per alci, lupi e la razza in via di estinzione di cavalli selvaggi originari dell’Asia, il cavallo di Przewalski reintrodotto dagli scienziati nelle aree della Mongolia, della Cina e della Russia. In un analogo programma, 30 cavalli Tarpan, estinti originari della regione, sono stati rilasciati nella zona di Chernobyl nel 1998. L’esperimento in Ucraina è stato presto interrotto, ma i cavalli sono rimasti e ora sono circa 150 in alcune parti della zona di esclusione, con circa altri 60 oltre il confine in Bielorussia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: