DPI: attenzione allo smaltimento

Piccoli pesci, granchi e polipi restano impigliati in guanti e mascherine sul fondo del mare mentre i macachi li scambiano per cibo e rimangono soffocati; il laccio di una mascherina ha bloccato, per una settimana, le zampe di un gabbiano in Gran Bretagna. Sono questi alcuni dei rischi dei Dispositivi di Protezione Individuale smaltiti scorrettamente. I DPI accessorio quotidiano indispensabile in tutto il mondo per proteggersi dal coronavirus si stanno rivelando sempre di più un pericolo mortale per la fauna marina e selvatica. L’impatto maggiore è in acqua. Secondo il gruppo ambientalista OceansAsia l’anno scorso oltre 1,5 miliardi di mascherine hanno inquinato gli oceani. Le Associazioni ambientaliste invitano a usare mascherine lavabili e riutilizzabili in tessuto o quantomeno a smaltire correttamente quelle monouso e a tagliare i lacci per fermarle dietro alle orecchie prima di buttarle.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: